Quasi in vetta

  • Stampa

E' da diverso tempo che avevo deciso di partecipare a questa gara per provare l'ebrezza di veder comparire dinnanzi a me le il gruppo delle Odle, spettacolare catena montuosa dell'Alto Adige e quindi, nonostante le 2 settimane di stop per dolori vari e le condizioni climatiche non favorevoli, mi decido ad affrontare questa corsa "atipica".

Partenza per Trento il venerdì, pernottamento dai suoceri e sveglia alle 4.30 del sabato per partire alla volta di Bressanone. Parcheggiata l'auto in centro, scambio qualche chiacchiera con altri runners, principalmente per capire che abbigliamento indossare.

Il giorno prima, a causa di una nevicata, l'arrivo è stato spostato dalla sommità della Plose (2450mt) ad una stazione intermedia (2050mt) mantenendo invariato il chilometraggio (42km), la temperatura è decisamente bassa e si opta per pantaloni sotto il ginocchio e maglia termica (maniche lunghe).

Ritiro pettorale, consegna borsa e poi pronti a partire. Alle 7.30 circa 400 partecipanti prendono il via.

Dopo circa 10km di pianura si inizia a salire e la corsa diventa decisamente faticosa. Le pendenze sono notevoli e soprattutto non costanti ma a strappi. Tratti di asfalto si alternano a corse nei prati e su sterrato. Tutto molto bello anche perchè un timido sole fa capolino e permette di godere del bel panorama. La parte iniziale è quella con maggior pendenza e fino ai 25 si soffre parecchio. Dopo i 25 si continua a soffrire per la stanchezza accumulata anche se il persorso diventa meno impegnativo dal punto di vista delle pendenze ma difficoltoso perchè, soprattutto in cima, è nevicato e quindi si corre e cammina in zone di fango misto neve.

Verso le 12.00 il cielo si è oscurato e il sole sparito, sostituito da nuvoloni ed una leggera pioggerella che faceva rabbrividire, ma le Odle erano ancora lì, maestose e severe, a farti compagnia fino in cima.

Proprio perchè in molti tratti non si riesce a correre si socializza parecchio così il tempo scorre piacevolmente. I ristori sono frequenti e completi di ISO, acqua e barrette energetiche. Gli organizzatori sempre pronti e il percorso molto ben segnalato.

Dopo 6h e 21' tra corsa e cammino, giungo al traguardo sfinito ma orgoglioso di ciò che ho portato a termine. Una gara veramente difficile, da affrontare con la giusta preparazione. Alla fine ringrazio che il traguardo finale sia stato spostato perchè gli ulteriori 400mt di dislivello mi avrebbero massacrato.

Pasta party + birretta e poi giù in cabinovia fino a Valcroce e poi in pullman fino a Bressanone centro.

Non ho una lunga esperienza ma questa è certamente la gara più faticosa a cui ho partecipato e proprio per questo la soddisfazione è tanta. Peccato per il brutto tempo che ha un po' impoverito le bellezze paesaggistiche.

 

Percorso: 9 (quello completo sarebbe da 10)

Organizzazione: 9

Pacco Gara: 6 (maglietta finisher + pistolate)

Ristori: 10

MAPO