Giovedì, Gennaio 24, 2019

Roma-Ostia

Roma, zona EUR ore 9.15 eccomi qui in mezzo a migliaia di Runner allo start della 41° Roma-Ostia. Era una gara che volevo fare da tempo, perché a Roma sono per diversi motivi molto legato e perché è la mezza più partecipata d’Italia, due buoni motivi per metterla nel curriculum.

Ma facciamo un passo indietro all’organizzazione pre-gara, grazie al mio amico Alessandro dell’Atletica Monte Mario, non devo pensare a niente e lui che mi ritira il pettorale e che mi inserisce nel bus prenotato dall’Atletica Monte Mario che ci porta alla partenza e che più tardi ci riporterà da Ostia a Roma.

Il deposito bagagli funziona benissimo, semplice e veloce depositare la borsa, altrettanto ben organizzata la partenza, ci sono tre onde con differenti orari di partenza 9.15 – 9.20 e 9.30, le onde sono a loro volta divise in griglie, nella prima onda in testa partono gli “Elite Runners” tempi sotto 1:8:57, poi c’è la prima griglia con i “Top Runners” tempi da 1:8:57 a 1:20:34 poi ci sono i Best Runners” tempi da 1:20:34 a 1:30:35, poi si arriva alla mia griglia “Good Runners” da 1:30:36 a 1:39:20. I controlli sono molto severi e le griglie vengono rigorosamente rispettate.

Un po’ di riscaldamento con alcuni amici dell’Atletica Monte Mario e poi vado subito in griglia, voglio partire in testa alla griglia, ci voglio proprio provare a fare una buona gara !!

E torniamo all’inizio del racconto allo start della gara, partenza puntuale, parto forte (compatibilmente alle mie possibilità !), si fa prima un giro nel quartiere EUR le poche curve iniziali e gli ampi rettilinei fanno si che in partenza non si perda tempo nel traffico nonostante la folla oceanica di partecipanti (anche nella prima onda siamo oltre 3000), vado bene, nei primi 5K sto con i palloncini del 1:30:00. Poi al 5 Km inizia la prima difficoltà del tracciato una salitella di circa 1KM con un 20/30 metri di dislivello e li il Tornitower complice una partenza troppo decisa si pianta e da l’addio ai palloncini del 1:30 e ai sogni di gloria.

Dal Km 10 al Km 12 si trova la vera difficoltà del tracciato la famigerata salita del camping, in 2 KM si sale di circa 70 metri (per riscendere poi nei KM successivi), in quei Km perdo tanto, la media a Km si alza drasticamente anche di oltre 30’’, però vedo che è un male comune gli altri intorno a me hanno gli stessi problemi.

Dal 13 Km inizia la gara dei miei sogni, sembra di essere nell’autostrada del sole, un enorme infinito ampio rettilineo in lieve discesa, so che in pochi mi capiranno, ma adoro correre sul dritto in pianura. Complice il tracciato mi riprendo e finisco in crescendo, mi supera il runners Gianluca che mi dice di portare i suoi saluti a Carlos Schenone; Carlos saluti da Gianluca.

Arrivo con un tempo che non mi soddisfa pienamente, persi 3 minuti dal PB fatto ad ottobre 2014, credo che andrò alla trasmissione Chi l’ha visto per capire dove sono finiti, se qualcuno ne ha notizia almeno!! però non ho rimpianti mi sono spremuto al 100%, ho datti tutto quello che avevo.

All’arrivo ancora una volta organizzazione impeccabile, bellissima medaglia, buono il ristoro, semplice recuperare la borsa, pochissima fila alle docce. A proposito delle docce.. all’arrivo mi era rimasto il dubbio di aver perso troppo alla salita del camping, così chiedo ad un ragazzo che era in fila con me e che quindi pensavo essere arrivato con i miei tempi di quanto avesse calato il ritmo alla salita del camping, lui mi risponde: ” sono andato sempre costante li ho rallentato di 2/3 secondi a Km”, Cavolo io l’11 Km l’ho fatto 30’’ sopra la media !!, ma quanto andava questo penso io e allora gli domando: “ma.. in quanto l’hai finita ?!?”, lui:” 1:05 sono arrivato 20° assoluto e 3° degli italiani”, Ahhhh ecco…….

Al ritorno i discorsi degli atleti dell’Atletica Monte Mario mi ricordano tantissimo quelli dei Runners Desio, dalla Brianza alla Capitale la passione è sempre la stessa quella del Running. C’è chi è soddisfatto è ha portato a casa il PB, il loro giovane di punta ha fatto 1:15, c’è chi si è piazzato in classifica, hanno fatto un bel 2° posto nella classifica SM65, il loro atleta ha chiuso in 1:29 (PS Patanè ti devi impegnare !!) e racconta che fare 1° era impossibile perché in quella categoria c’è un fenomeno che ha vinto con 1:23 , c’è chi è soddisfatto della prestazione e chi non lo è, ma soprattutto c’è una bella atmosfera data dal piacere di essere li a condividere le emozioni che le gare e la passione per questo sport sanno sempre regalare.

Se dovessi fare una compartiva tra organizzazione della Stramilano e quella della Roma-Ostia, mi dispiace ma sta volta per organizzazione Roma batte Milano 3 – 0. Un consiglio a tutti, non mancate alle prossime edizioni, ne vale la pena !!

Treviso

Rieccomi a Treviso... per chi non l'ha ha mai corso  spiego il fascino che ha......al 18' km fuori da una casa mi offrono bicchiere di Prosecco,al 24*km  la Proloco di non so che paese mi sfida a mangiare panino con pancetta alla piastra e dopo lo stupore iniziale per la mia fermata me lo innaffiano anche con un' ottima ombra di rosso, 29' km panino con Soppressa, 33' km un altro Prosecco!!! L'accoglienza e' stata meravigliosa fin dal sabato e durante la corsa il successo del maculato e' stato indescrivibile, posso documentarlo con numeri di cellulare e reggiseni gettati per strada, da cougarone locali, al mio passaggio!

La corsa questa volta non era importante per me, ma per la mia Maretta che ha concluso la sua prima Maratona in 4h 25', pero'.......

..... e' lo stesso il mio primo, e spero proprio non unico, PERSONALE con voi!!!

 

 

Lettera a Babbo Natale.....

 

1385803734- 200-125Come tutti i bambini "buoni" ho voglia di scrivere una letterina natalizia.

E si, perchè io quest'anno ho fatto cose che solo un incosciente può fare; e i bambini, ovviamente, lo sono.

Non voglio tediarvi sulle performance, quelle sono note, il fatto è che non pensavo di far parte di un magnifico gruppo di persone "eterogenee" ma legate da una forte passione comune.

Domenica, per esempio, il "Grande" Marco Maffeis ha organizzato al parco un evento strepitoso- corsetta di circa 18 km- , evento partecipato e alla fine con tanta "partecipazione" - Marco ha apparecchiato , dentro il parco, una tavola con ogni ben di dio - salamini, motadella, pane, olive, patatine, grissini, pandoro, panettone etc. etc. e ben 10 dico dieci bottiglie di vino - FANTASTICO . Marian era l'addetto alla preparazione del cibo e Salvatore invece alla mescitura; tutti gli altri a mangiare e bere...che armonia ; siamo proprio una grande "SquadrA".

 Questo è stato il finale luculliano, ma c'è da ricodare anche la corsetta e il suo finale dove ha "brillato" di luce propria il nostro N° 01 . Non solo per l'abbigliamento assolutamente consone all'evento (un quasi-perfetto Babbo Natale) ma per il suo "Allungo" finale .....provate ad immaginare siamo agli ultimi 3 km RdS parte seguito da Tornitower e da Kekko lanciati verso il traguardo ed in breve prendono un enorme vantaggio - (l'anno prossimo non ce ne per nessuno).

- non dovrei dirlo,  però dopo un pò dal gruppo esce il Colza sembrava una gazzella ...con passo leggero come se corresse sull'acqua! e in un battibaleno raggiunge il gruppo di testa e...? 

Io ho faticato un pò (caviglia dx in disordine ...regalo di Firenze) però sono stato "scortato" dal neo acquisto Cardillo e dal nostro Presidente Mac...e non è poco.

Ma che centra ltutto questo con la lettera a Babbo Natale?  non centra nulla però mi piaceva sottolineare la grande "umanità" del nostro Maffo. Bravo.Bravo.

Ora Caro Babbo Natale ,

il 2014 è stato,per me. un anno strepitoso e pieno di gioie  -  ho fatto la "levatrice" della mia nipotina - ho conosciuto i Runners di Desio - gruppo  eccezionale per come mi hanno accolto e fatto sentire uno di loro nonostante l'epocale differenza di età ; pensa alla trasferta/Avventura di Piacenza e a quella Fantasmagorica di Valencia  e poi ho corso tanto, forse troppo eppure non mi sono fatto male!! 

Cosa devo chiedere di più ...non mi viene in mente niente ; magari potrei chiedere qualcosa per gli altri, per esempio è troppo chiederti di far Vincere la maratona di Parigi al mio amico dongiovanni RdS ..si? no?, è troppo? beh allora esprimo un desiderio, che la prossima trasferta all'estero ( Istambul o altro) sia molto partecipata e tanto divertente quanto o più di Valencia. 

Ragazzi era una scusa per Augurarvi un Santo Natale a tutti e alle vostre famiglie; e sopratutto un Sereno e Felice 2015.

Salvatore Patanè

ps ...Babbo Natale che ne dici se i Runners Desio mi nominassero Allenatore della squadra femminile? ...dici che mi servirebbe un vice e un massaggiatore? e voi Runners chi proporresti?

Valencia 2014: “RDS …solo promesse”

 

998763456123445Hola , che spettacolo ! i Valenciani sono stati fantastici ; ci hanno accompagnato per tutto il percorso con un calore incredibile!!

Eh si caro Vitto, purtroppo, e non per causa tua, ti sei perso uno spettacolo memorabile.

 Vuoi che ti racconti della maratona? C’è poco da dire il risultato è chiaro sono riuscito a starci dentro le 4 ore e 30 minuti; forse potevo addirittura fare di meglio ma sono soddisfatto, molto soddisfatto  ..alla prossima ti ridò la rivincita ; facciamo sotto le 4 ore?

Confesso che ho avuto una crisi attorno al 35° km, durata fino al 40° ma visto che avevo appena superato lo scoppiato di Clod e pensando alla nostra scommessa, ho tenuto duro; ho fatto bene perché gli ultimi 2km ho ripreso a correre …credo veramente che il merito vada ai valenciani che continuavano ad incitarmi “animo Salvatore” “vamos Salvatore “ “corremos Salvatore” etc sembrava una litania ..come non si poteva non rispondere? E poi gli ultimi 195 metri…. ma ci pensi, sembrava di attraversare il mare tra due ali di folla festante e rumorosa …ero talmente leggero che mi sembrava di volare e mentre facevo svolazzare la bandiera della Trinacria vedevo il cronometro all’arrivo che diceva “ vai Salvatore che hai “matato” il principino dei Runners”.

Beh una bella soddisfazione era già averla conclusa!

 Che altro segnalarti, qualche aspetto negativo? Per esempio che i “pace maker” andavano a strappi? Che,  come avrai notato, nessuno ha postato una foto di gruppo? Il motivo è semplice troppa gente , ci siamo persi/dispersi alla consegna della borsa.

Però per tutto il resto l’organizzazione è stata perfetta già fin dall’inizio del ritiro dei pettorali.

Ma hai visto le foto in maschera? Un’accoglienza talmente goliardica che anche i diversamente giovani, come me e il Nonno, si sono lasciati coinvolgere abbandonando l’abituale applomb inglese.

 Il resto te lo racconterò stasera al bar, con calma.

Vorrei parlarti anche del resto della compagnia; perché la bellissima gita valenciana ha visto protagonisti non solo i runnres ma anche le nostre ragazze pom pom ovverossia le splendide mogli dei nostri amici: belle, spiritose, partecipative; pensa verso il 16° km in mezzo al mare di gente sento : forza Patanè , mi giro e vedo la Paola (moglie del Nava) con i suoi figliuoli che mi incitava a squarciagola e la Ela (la moglie del Colza) che mi riprendeva con la telecamera; Fantastico.

A dire il vero tra le nostre fan c’è stata qualche nota negativa; la Claudine e la Doni, per esempio, dicono che dopo che ci hanno incitato al 28° Km ? io non le ho viste forse  ero troppo indietro?  sono andate al traguardo per aspettarci .. e però, strada facendo avranno visto qualche bel ronzino trotterellare e lo hanno seguito perchè invece di arrivare al traguardo della maratona si sono ritrovate al BioParc di Valencia; morale hanno fatto circa 20 km a piedi per arrivare al traguardo della maratona, peccato che ormai eravamo tutti arrivati…beata gioventù.

 E che dire della “maestrina” Ela? All’improvviso è diventata la nostra Guida..ce l’hai presente una guida tedesca con l’ombrellino? Ecco questa sembrava la Ela ..il Colza preoccupato  diceva “oh mamma non fidatevi ci farà girare a vuoto”

Non aveva tutti i torti ci ha fatto perfino entrare in un’area privata , meno male che no c’era nessuno.

Adesso vorrei darti qualche spunto per massacrare qualche  top runner.

Incomincio da Clod ,scoppiato al 30° km , dimmi tu come si fa a bere una bottiglia di vino Tinto (14°) la sera prima della maratona?  È corretto per colazione scolarsi una tazzona di latte e cereali?

E Mac69? No Lui non ha fatto stravizi il suo tempo di M… è dovuto anche all’inflenza (dobbiamo crederci).

E Max ? non posso parlare male del presidente (ha detto che non mi rinnova la tessera) però ha confessato che non ce la fatta più e l’ha “mollata” e cio spiega il ritardo.

Beh facile adesso parlarti dei migliori cioè Io e Ale .

Di me ti ho detto, aggiungo che eri presente con me per tutti e 42 Km e195 metri, in senso metaforico ovviamente ma sappi che quando subentrava la stanchezza ricordavo di averti di dietro, dentro il costume, e ciò mi dava energia. Si perché Max ha arrotolando il tuo pettorale e mi disse di metterlo dietro così al traguardo il Vitto sarebbe figurato come classificato ma dopo di me; non so cosa sia successo ma non sei stato mai segnalato.

E i Cuoco? l’immagine della Felicità, gasatissimo s’è dichiarato pronto per le future sfide aggiungendo con non poco sarcasmo L’Oracolo ha toppato!

Chi rimane? Ah Il Colza nostro vero top runner del futuro , penso che dopo le vacche risate che ci siamo fatte si iscriverà al nostro club e se non ha intenzione di farlo penso dovrà fare i conti con la splendida Ela.

No ,non ti ho dimenticato Izio .

Come potrei ignorare l’unica prestazione appena sufficiente , almeno era lui era soddisfatto e poi gli sono stato vicino perché lo vedevo timido educato tranquillo, mi fidavo ,insomma, e invece sai cosa mi combina? Che prima di partire mi offre una pasticca , pensavo che fosse una “bomba” per andare più forte e invece era IMODIUM , non sono andato in bagno per tre giorni, Maledetto Izio, approfittarsi della ingenuità dei meno giovani .

E non solo,  nel pomeriggio ,dopo la maratona, mentre gli altri sono andati a fare uno stuzzichino io e lui abbiamo optato per un tè , e mi fa andiamo nel bar dove siamo andati ieri. Ok gli dico, abbiamo girato per tutto il quartiere senza trovarlo pazienza ma di bar ce ne sono tanti quindi nessun problema , poi io gli dico perché non andiamo in Chiesa? Ok dice lui abbiamo cercato la chiesa di S.Austin per mezz’ora , alla fine trovata era chiusa e sconsolati e stanchi siamo rientrati . tu dirai e che c’è di strano ? nulla se non fosse che il bar del tè dall’hotel dista circa 200 metri e la chiesa appena 100 metri. Maledetto Izio tra me e lui non so chi è più allocco, per quando riguarda l’orientamento.

Non è che sia stato il tuo braccio vendicatore? Questo è il mio sospetto.

 E rimane RDS il bell’uomo delle promesse

Aveva promesso che avremmo spaccato Valencia

Aveva promesso che avrebbe conseguito uno strepitoso PB

Aveva promesso una scoppiettante Movida

Aveva promesso Ragazze a go go

 

Sich …nulla di tutto questo !

 

Ma hai visto che tempo per poco non lo prendevo , scusa ma lo devo dire : ha fatto cagare!!

E aveva anche il Colza che 16km lo ha guidato!

Pensa ha fatto il diavolo a quattro per trovare l’Avena per la colazione

Certo che se questo è il risultato viene proprio da dire che è un ronzino!

La Sua scusa ufficiale è che non c’era la sua Ragazza a dargli la carica!?!?

Anche per lui vale il mio dubbio si può fare colazione con latte di soia e avena, prima della gara?

Che ne penseranno Ciavarella, Schiatti, Iugi, Maffeis e compagnia cantando?

RDS per accaparrarsi le mie simpatie mi ha confessato che ha fatto credere a tutti che a Valencia avrebbe strabiliato ma che nella realtà codesta maratona sarebbe servita come LUNGO per Parigi…. Tu ci credi? Poi ha detto che farà un pensierino per Reggio Emilia ..il Colza, che lo conosce bene, lo sta consigliando di darsi al Tennis..boh?

Avrei tante altre cose da raccontare   ma è tardi.

Un’ultimissima cosa merita di essere citata e cioè, per meglio descriverti la partecipazione degli spettatori ti riporto il pensiero del nostro Presidente che l’ha descritta così: << sembrava di essere all’Arrivo di una tappa di montagna al Tour de France, dove la folla soffia sul collo dei ciclisti solo che stavolta gli Attori eravamo NOI.  Animo Salvatore all'anno prossimo.  

...Buona la prima...chiusa !!!!

Cari amici Runners, con un pò di ritardo, ma arrivo, come nella maratona dopo tanti..., ho il piacere di scrivere queste poche righe per condividere con voi la mia esperienza per raggiungere quella medaglia in cui c'è scritto FINISHER . 

Tutto inizia un giorno quando la mia invidia, nei confronti delle medaglie di mia moglie Emanuela, Manu per i runners e che di maratone ne ha chiuse più di qualcuna.... , ha toccato il punto più alto del mio orgoglio ed ho detto: " quest'anno devo fare una maratona".

Inizio la ricerca di quale fare, dal cilindro esce RAVENNA 9 novembre, da dove si comincia? Contatto Claudio che perfeziona una tabella d'allenamento trovata  in internet e che seguo meticolosamente per 4 mesi. Grazie Claudio la preparazione era perfetta i giorni dopo la maratona i mieri muscoli non si sono lamentati e non ho avuto crampi durante la corsa.

Ma veniamo alla gara, arrivati a Ravenna il sabato mattina, ritiriamo il pettorale e approfittiamo dell'intera giornata per visitare la città. Bellissima, monumenti di una bellezza indescrivibile, i mosaici ti lasciano a bocca aperta estasiato dai colori, tutto molto comodo da girare a piedi, se qualcuno non l'avesse già visitata lo consiglio vivamente.

Domenica mattina ci siamo.... sveglia relativamente presto, il nostro albergo è a 300 mt dalla partenza, colazione OK, abigliamento scelto, pettorale fissato sulla mitica maglia dei Ranners Desio, il clima è ottimale per una corsa, 10 gradi e qualche nuvola, niente pioggia, usciamo io e la Manu pronta per la sua 30k-

Nella griglia di partenza comincio a pensare che mi mancano 42km e 195mt prima di ripassare sotto questo striscione... non è proprio vero, il percorso prevede due giri in città tra i monumenti patrimonio dell'UNESCO, nancano pochi minuti al via, lo speacker incita gli atleti, la musica ti carica.....

Ma ecco il botto, ormai siamo in ballo e allora balliamo.... primo obiettivo arrivare correndo - secondo divertirmi - terzo il tempo 3h 59' 59''.

I primi km li faccio con Emanuela, tutto bene cominciamo a prendere il ritmo, lungo tutto il tratto cittadino una folla festante che continua ad incitare e ad applaudire. Prima della fine del primo giro saluto mia moglie e vado aumento un pò e mi porto il mio passo 5,30 al km, lo sò non è un gran chè..... ma è quello che passa il convento.

Dopo il secondo giro la maratona e la 30k escono dalla città, si va verso il mare,tuuto ok fino al 25 km, perfettamente nei tempi previsti, ma ecco che il principiante commette  l'errore, ad un ristoro mi fermo un pò più del solito per prendere della frutta e il mio ginocchio con i legamenti rotti dice NO!! non riparte, non si piega più, cosa faccio mi fermo? E no mio caro, io quella medaglia la voglio, tutti i km fatti in questi mesi non posso buttarli via per un ginocchio capriccioso .... Cammino un pò, corro un pò e poi di nuovo cammino, beh per farla breve sono arrivato fino al 35 così.

Il terzo obiettivo ormai è  andato, ok cerchiamo di portare a casa cli altri 2, e così riprendo a correre non ho crampi, stò bene di stomaco, il fiato non manca e al 37 rientriamo in città la gente che applaude, il traguardo sempre più vicino, e penso: allora posso farcela!!!

Forza Davide, al 39 black out mi fermo  senza ragione,  cammino gli altri mi superano e mi incitano, per fortuna questo stop dura solo pochi metri e riparto, ci siamo il cartello del 41 la strada fà una curva e ..... inizia il rettilinio finale, vedo il confiabile dell'arrivo, magicamente le gambe cominciano ad alzarsi, il passo diventa più lungo, il mio cronometro segna 5 e 15, incredibile supero delle persone, la gente applaude, inizia il tappeto azzurro, il cronometro gira il bip finale lo ferma... E' FINITA ho la mia medaglia bella la bacio.

La Manu è lì ad aspettarmi da un ora, lei ha finito la sua 30k con un buon tempo, 6° di categoria un posto in meno ed era premio....BRAVA

Quante emozioni, pensieri, sorrisi,sofferenza, applausi in questi 42,195.... non lì dimenticherò mai.

Ma ora siamo pronti a guardare il calendario 2015 in cerca del terzo obiettivo mancato, un grazie particolare a Claudio, Max per la sua disponibilità e competenza e a tutti runners.... alla prossima

Un abbraccio Davide

 

Salomon City Trail

Giornata molto calda quella della Salomon city trail e calorosa anche l'accoglienza dei milanesi che non ci hanno risparmiato grida e clacson "a tutta" pur di manifestarci  il loro gradimento per questa gara.

Non era un trail (del resto come si fa ad organizzare un trail in una città piatta come Milano), non era una gara su strada dove poter spingere a causa dei vari passaggi in edifici, scale e parchi .... ma è stata una bella corsa su un percorso con alcuni tratti veramente belli e caratteristici di MIlano.    Abbiamo potuto correre in zone dove normalmente non si può accedere, peccato che all'ultimo non si sia potuto salire al terzo anello dello stadio (sarà stata colpa di Tevez?!?!?).

In particolare molto suggestivo il cono del Portello, sembrava un formicaio con atleti che salivano e scendevano da tutte le parti e tutta la nuova zona di GAribaldi.

I desiani presenti con un bel gruppetto si presentano quasi tutti con la divisa trail degli Hills Angels ma  non mancano i maculati.  Si parte dal fondo, mentre Tugne e Checco volano via , Mac, Vitto e RDS decidono di correre insieme.  Vi dirò che non è stato facile correre con quei due : al primo ristoro mentre aspettavo ho fatto colazione, al secondo aperitivo, a san Siro due palleggi con i brocchi del MIlan .... insomma tra uno sbadiglio e l'altro ho concluso la gara in 2.27.

Gara sicuramente da migliorare, a partire dal deposito borse (3 persone in uno spazio minimo per 1300 persone , ma?!?!?) , km che sono diventati da 26 a 28 senza preavviso, il mancato passaggio al terzo anello tanto pubblicizzato e poi saltato non si sa perchè.  Anche qualche persona in più sul percorso sarebbe servita, alcuni incroci non erano custoditi.    

Bella la maglietta e discreto il pacco gara/ristoro finale.