Lunedì, Giugno 24, 2019

Monza Resegone... a mo' ?

Monza Resegone… a mo’?

 

Monza Resegone… a mo’?...Ecco quello che avrei  scritto qualche mese fa. L’anno scorso ero così arrabbiato per il risultato che come solito avevo promesso “mai più” e avevo pure omaggiata la gara con il più fiorito mazzo di bestemmie e parolacce varie della mia collezione. Quest’anno un'altra squadra si chiamava “Resegoni x Caso” ma avrei potuto chiamarmi io così, visto che una sera di maggio arrivato al bar, Salvatore mi “notifica” che devo sostituirlo… e così riprendo la mia tabella maratona contando in dietro le scarse settimane che mancavano alla partenza per cercare di fare qualcosa di decente. Alla partenza con me, miei due cari amici tapascioni Fred e Alessandro… tutti ci prendono in giro, Vitto ci inchioda alla croce sentenziando che non saremmo arrivati… Durante questo mesetto di allenamento, noto il profondo desiderio di Alessandro di partecipare a gare di diverso tipo, e così facendo si mette a fare il personale a Villasanta assistito del Vitto, a fare il criceto in pista a Costamasnaga e a fare lo stambecco con me alla Erba Capanna Mara. Fred, il solito ad allenarsi a manetta “ad minkiam” al parco di Monza e facendoli tirare le cuoia al povero Marco Maffeis che li tiene compagnia. E così ci ritroviamo fra le ultime squadre a partire per l’impresa MonzaResegoniana 2013. Io posso autodefinirmi come un “Tapascione in forma x caso”, ma sono gassato e sento la forza per farla. Si parte, 22:45 di sera circa, ci sono appena 12 squadre che partiranno dietro di noi, e con ogni possibilità ognuna di queste squadre ci spalleranno a breve e ci lasceranno ultimi della corsa. E così detto, così fatto, dopo il 10º km ci siamo visti superare da quasi tutte le squadre, altre non sono partite e così ci ritroviamo con la ambulanza e la 4x4 della protezione civile che “simpaticamente” ci fanno sentire il fiato al collo.

Cento volte prima della partenza ho avvertito ai miei compagni di partire tranquilli, un passo in torno ai 5:30 di modo di farcela,  ed arrivare alla salita ancora con fiato… ma come solito, la discesa dal palco di partenza, la strada piena di gente che tifa, e così il primo km,  ed alcun km in più li percorriamo a 4:55 a qualche tratto anche meno… FERRRRRRRMIIIIII… Rallentiamoooooooo!!!!!!! Fred mi da retta, ma Ale è impossessato chi sa da che demone podista, guarda l’asfalto e picchia dentro senza pietà… e talmente concentrato, che non ci parla nemmeno, unica cosa che riesco a farli fare dato che lui corre all’esterno della strada, e che “batta i 5” con i bimbi che sorridenti ci salutano ai lati della strada… bene… in un modo o in un altro riusciamo a stabilire un passo in torno ai 5:25/5:30… Fred ogni tanto scappa, ma non perché sia forte, scappa per chiacchierare con tutto e con tutti… tutti lo conoscono, i semafori si girano per non guardarlo in faccia, gli alberi fanno finta di niente, la gente  fa finta di non conoscerlo, insomma… E’ Fred, chi non lo conosce???

E così passano i km, la mia gola non ce la fa più di urlare “rallentate” “rallentate”… Ad ogni ristoro, ci fermiamo… a me non piace fermarmi, sono uno che “prende e va” ma i miei soci, devono fare pubbliche relazioni con le sciure dei ristori e tocca ancora me sgridarli per fargli ripartire… e così è che io che tengo la media nel Garmin, vedo spaventato ad ogni ristoro che quella di 5:30, dopo il ristoro, diventava 6:10, 6:15, anche 6:30… e va be’… non mi cagate? Ora vi tiro il collo per tornare ai 5:30, però, il massimo che potevo fare è riportarla a 10” in più di quando c’eravamo fermati, quindi, dopo ogni ristoro vedevo 5:40, 5:50 e cosi via... Arriviamo al 25mo, incomincia la bella discesina, aumentiamo la velocita, ma e talmente buio, che non si vede un bel niente, l’ambulanza ed il servizio scopa ci hanno lasciati, ed ora siamo soli con qualche altro terzetto e ci divertiamo  a sorpassarci a vicenda. Nel buio Ale che corre sull’orlo della strada mete male il piede, la caviglia cede e cade per terra con grande spavento da parte mia e Fred… lo tiro su, mi dice che sta bene, e riprende a correre subito… comunque mi fa preoccupare… il piede le fa un male cane già dal 20mo km, continua a buttarsi inutilmente acqua sul piede, che ad ogni metro lo mette di più in crisi, ma è un guerriero tosto, ha il coltello fra i denti, e non molla… e noi continuiamo a spronarlo e lui, come può continua a ubbidirci. Per essere sincero mi aspettavo un bel “vaffac… Carlos” ben meritato, anzi, meritatissimo che però non è mai arrivato, vedo che Ale mi vuole bene!

Arriviamo al 32mo, prima della salita da Calolziocorte ad Erve. Li dovrebbe attendermi mia moglie e mio figlio, con gli zaini pronti per il cambio, fa caldo ma quando dovremo affrontare la salita, (e poi, alle 2 di notte), farà  freddo… Sono preoccupato… a quell’ora mia moglie e mio figlio da soli… ma come non poteva essere diversamente, con grande gioia vedo che non solo c’è mia moglie e mio figlio, ci sono rimaste ad aspettarci anche le altre mogli e figli dei Runners Desio!!! GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE, meraviglioso gesto che ci da una grande forza… io sono gassatissimo ed anche un po’ nervoso per il cancello, ho perso il conto del tempo cercando di tenere sotto controllo la media, e cosi, mi comporto un po’ da antipatico, “sgrido” un po’ a tutti, e gli sprono a ripartire subito… si riparte, ma ormai incomincia la salita, sprono a correre ai miei compagni, (solo ora me ne accorgo che sono stato un gran rompicogl… scusatemi!) ma ormai solo si cammina… ci sono tratti “corribili” sulla strada che da Calolziocorte ci porta ad Erve, ma si cammina… Il piede di Ale peggiora, cerchiamo di camminare alla svelta, il meglio che possiamo fare… sappiamo già che quel che è stato fatto è fatto, ed ora non possiamo fare più la differenza, ma è questo maledetto cancello che l’anno scorso chi ha lasciato fuori classifica per un misero minuto del cavolo!... ecco… ecco Erve la, il cancello, mi giro, non ricordo cosa ho urlato ai miei compagni per spronargli ma sicuramente non sono stato simpatico a fatto, e vi chiedo scusa di nuovo… passiamo, Siiiiiiiiiii!!!!!!!! Siamo dentro, 3:59… dai, ristoro, nuova sgridatina ai miei cari “public realtions” delle sciure Ale e Fred, e si parte… ora si, siamo alle prese con uno sport diverso dal running: la “arrampicata”… qui non si può correre, uno ci si può sbrigare, ma è vero che se non ti tieni forti delle rocce o delle radici degli alberi, rischi di cadere all’indietro e portarti con te tutta la “cordata”… comunque io vado avanti spietatamente, senza tenere conto del piede di Ale, mi giro ad ogni roccia, per vedere se ci sono le altre due luci dei miei compagni, e con grande soddisfazione vedo che mi seguono, non mollano, incrociamo altri runners che azzardatamente scelgono di scendere dal Pra’ di Ratt invece di vare il sentiero alternativo per non dare fastidio a chi è ancora in gara… chiediamo quanto manca???… 20 minuti, 6, minuti, 10 minuti, 15 minuti… ma quanti cazzi di minuti mancano? Vi mettete d’accordo per favore??!!! e cosi, passo dopo passo, roccia dopo roccia, con grande soddisfazione vediamo la Capanna Monza spuntare nel buio… ci siamo, ci siamo, 5 ore e 38 minuti abbiamo impiegato me ci siamo arrivati. Ora si la emozione è grande, abbraccio forte prima con Ale… so che l’ho trattato un po’ male per spronarlo, so che lui l’anno scorso ha avuto una grande pietà di me che ero infortunato, e lui oggi come me ieri, ce l’ha messo tutta per non mollare ed arrivare al traguardo… “nobleza obliga” si dice in spagnolo (“noblesse oblige” in francese.. gli italiani sono così barboni che non hanno la frase nella loro lingua! ihihih)… e credo così sia stato. Si avvicina Fred a completare questo abbraccio enorme a tre, pieni di soddisfazione, perché siamo arrivati di nuovo in cima, un'altra volta dentro il tempo massimo permesso, ma questa volta addirittura oserei dire ampiamente dentro il tempo massimo permesso, e al maledetto cancello di Erve questa volta gli abbiamo dato 16 minuti, tieh!!!!!!!! Eppure abbiamo battuto sul parziale del Pra’ di Ratt a qualche squadra di quelle forti della nostra società, tieh!!!! ihihihih

Ora ci aspetta la lunga discesa… almeno un ora e mezza per tornare ad Erve dove ci aspettano le nostre macchine, circa 6 km in tutto (4 alla base, e poi, altri 2 fino al parcheggio)… io sono ancora gassato, scendo a manetta (ovviamente il massimo che possa significare “a manetta” per me) quando arrivo ai sentieri corro addirittura, e laggiù al bar ci attendono pazientemente tutti gli amici del Runners Desio per festeggiare a Vitto che compie 50 anni… si torna a casa fra i racconti, gli sfottò, e chi più ne ha più ne metta… a casa doccia, sonnellino corto perché per le 13:00 dobbiamo essere in trattoria ancora con la “banda” dei Desiani e le nostre famiglie per festeggiare l’evento come ogni anno”… E ora?… ora fra qualche giorno, dobbiamo andare alla premiazione… quest’anno si, ci danno la maglia con la famosa frase  “Mi lu fada” che l’anno scorso per quel maledetto minuto al cancello ci è stata negata. E quindi, qui la promessa di “mai più” che avevo fatto mentre correvo e mi arrampicavo sul Resegone, cambiano… tramutano… e sono sicuro che l’anno prossimo la rifarò… mi conosco… dico “no” però se si tratta di correre è un “si”… e ora non mi basta più quel “Mi lu fada”… ora voglio anche migliorare il tempo… chissà… magari l’anno prossimo… Cit. Iugi: “La Monza Resegone” è lo spirito dei Runners Desio”…  e pensare che c’è qualcuno che non viene al bar a trovarci perché si secca di sentire parlare della Monza Resegone con gli amici!!!... Complimenti a tutte le squadre partecipanti, sono spiaciuto per ciò che è successo a Carlo, a chi chiedo di non mollare, e faccio un grande in bocca al lupo per la prossima edizione…  EVVIVA I RUNNERS DESIO!!!!!! 

Commenti  

 
# mac69 2013-06-24 17:13
Carlos per fortuna che dovevi lavorare e non avevi tanto tempo x scrivere l'articolo!!!!
Comunque complimenti a tutti voi, partire dietro è stato un ulteriore penalità ma non avete mai mollato!!1
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CarloS 2013-06-24 17:51
Grazie Mac, oggi ho deciso "fauncazzismo" per pubblicare foto, cronache e chi più ne ha, più ne metta!!! ihihih
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alessandro61 2013-06-24 17:13
Le sgridate si fanno alle persone a cui ci si tiene per migliorarle, e nella vita non bisogna avere paura di sbagliare perché se si sbaglia vuol dire che hai cercato qualcosa, e alla fine il tempo è arrivato , migliorabile sicuramente ,però questo è un buon inizio per chi in futuro vorrà migliorarsi alla M/R,e complimenti per la cronaca come sempre ben dettagliata !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CarloS 2013-06-24 17:52
Grande Ale! e grazie perché non hai mollato, e grazie a questo, il traguardo è stato raggiunto!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Carlo Mussi 2013-06-24 21:13
grazie Carlos, apprezzo molto il tuo invito a non mollare. Sono sinceramente dispiaciuto per i miei compagni Luciano e Roberto che per causa mia non sono riusciti a coronare un sogno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CarloS 2013-06-24 23:08
No Carlo, qua non è causa di nessuno, perciò la gara è impostata a squadre. Sai, come i tre moschettieri, tutti per uno, ed uno per tutti (no so bene se fa così il loro moto in italiano) Quindi, cerca di non dispiacerti, e fai che questa sia la tua forza e la loro forza per l'anno prossimo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ste 2013-06-24 23:08
Il nostro spacca "marones" Carlos... Evvaiiiiii
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CarloS 2013-06-25 09:51
A si, si, su questo non ci piove! a spacca marrones, con me,nessuno vince!!!! ahahah
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# fred 2013-06-24 23:36
Grande Carlos siete stati due compagni eccezionali Bravo Ale che ha tenuto duro fino alla fine. Io mi sono divertito un sacco. Non passerò alla storia per il tempo ma il pubblico si ricorderà di quello spilungone simpatico vestito strano da leopardo. Un grazie a Marco che ci ha seguito ed aspettato ai ristori l'anno prossimo ti vogliamo alla MR.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CarloS 2013-06-25 09:51
Ecco, Marco, ti vogliamo alla MR per l'anno prossimo, così ti tiriamo il collo ancora!!! ahahaha
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# fred 2013-06-24 23:50
Carlo non ti fare un cruccio perché sei stato costretto al ritiro questo fa parte del gioco ed il bello di questa gara la solidarietà tra i compagni di squadra Luciano e Roberto si saranno certamente divertiti sarà per l'anno prossimo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ivan 2013-06-25 19:59
Sempre è solamente il grande Carlos!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CarloS 2013-06-26 09:31
Ciao Ivan! Grazie!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# marco maffeis 2013-06-25 22:34
Siete stati veramente grandi. Nelle nostre uscite pre resegone si capiva che eravate pronti.carlos e' da Roma che sei in crescendo !!! Fred adesso si comincia con le ripetute da 2000 e 3000 al mercoledì non mancare... È tu Ale non ti lamentare con me e fred perché parliamo sempre !!!! Con noi il tempo vola!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CarloS 2013-06-26 09:33
Vero Marco, con voi due, allenarsi diventa un gioco! Ale si concentra troppo quando corre e non parla mai!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alessandro61 2013-06-26 11:14
Si ma con voi è meglio chiacchierare a tavola ,in corsa ci vuole anche chi ascolta,pensa che bello salire al pra di ratt con Fred che invece di ascoltare il silenzio godersi la luna e sentire il ruscello continuava a parlare e lamentasti "non la faccio più ,non la faccio più !:)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CarloS 2013-06-26 15:08
Hai ragione Ale!!! che due coglioni sto' Fred!!! si era messo a fare capricci come un bimbo!!! avremmo dovuto sculacciarlo!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alessandro61 2013-06-27 11:17
beh il culetto del cucciolo Fred lo sculaccio io se vuoi Carlos!ah,ah,ah ,
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CarloS 2013-06-27 17:51
Ma nooooooo Ale!!!!sarà una schifezza, tutto nero e ricoperto di peli... agh... no, dai!!!!! ahahahahahah
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna